Come prepararsi correttamente al TOEFL

Qual è il modo migliore per prepararsi al TOEFL?

Il test di inglese come lingua straniera (TOEFL) è un test standardizzato che certifica il grado di conoscenza della lingua inglese per i non madrelingua. Il test è riconosciuto da molte università di paesi di lingua inglese, in particolare negli Stati Uniti, come requisito di ammissione. Pertanto, è fondamentale per tutti coloro che desiderano studiare o lavorare nei paesi di lingua anglofona. Nella sua forma attuale (iBT), è diviso nelle seguenti sezioni:

  1. Reading Comprehension (comprensione della lingua scritta)
  2. Listening Comprehension (comprensione della lingua parlata)
  3. Speaking (competenza comunicativa orale)
  4. Written Expression (competenza comunicativa scritta)

La grammatica viene testata in tutti e quattro i tipi di prova. I primi due moduli si presentano in forma di test a risposta multipla.

La validità del TOEFL

è limitata a due anni dal momento che, secondo diversi studi scientifici dell’Educational Testing Service (gli ideatori e sviluppatori del TOEFL e del TOEIC), l’uso che si fa dell’inglese dopo aver completato il test è fondamentale per il consolidamento delle competenze linguistiche a lungo termine. In altre parole, se un candidato, dopo aver superato l’esame, non pratica più l’inglese, o lo fa solo in casi eccezionali, le sue abilità linguistiche ne risulteranno compromesse. Per questo motivo l’ETS non può certificare un certo livello di conoscenza della lingua per un periodo superiore ai due anni e raccomanda di ripetere il test dopo questo arco di tempo per verificare le competenze linguistiche attuali.

L’esame viene amministrato in tutto il mondo dall’associazione americana ETS (Educational Testing Service). Esiste dal 1964 e da allora è stato sostenuto da più di 22 milioni di persone. [1] L’esame TOEFL può presentarsi in diversi formati: l’ iBT che viene sostenuto al computer, il PBT che è stampato in forma cartacea e il TOEFL Junior che è stato concepito appositamente per ragazzi di età compresa tra 11-15 anni.

Il TOEFL quindi è una prova di conoscenza della lingua inglese sia scritta che orale. Tuttavia, per scrivere correttamente in inglese, si deve prima imparare a parlarlo. Su Internet si trova una vasta quantità di materiale per praticare l’inglese e specificamente per prepararsi al TOEFL. Inoltre, ci sono corsi speciali di preparazione presso diversi istituti linguistici e università popolari.

Nell’ambito della preparazione al test TOEFL,

di solito si comincia praticando assiduamente la lettura.

Quando gli studenti sono in grado di comprendere i testi letti e di rielaborarli con parole proprie, si passa alla seconda fase dell’apprendimento, in cui ci si concentra sulla comprensione orale. Questo può essere fatto anche comodamente e gratis a casa propria, per esempio guardando video in lingua inglese su YouTube, come spezzoni di telegiornale e filmati simili.
Una seconda variante è quella di guardare i propri film preferiti su DVD, nella versione italiana con i sottotitoli in inglese, o ancora meglio in inglese con i sottotitoli in italiano. Si consiglia anche di prendere dimestichezza sia con la pronuncia americana che con quella inglese. Spesso i madrelingua italiani trovano la pronuncia americana più facile e quindi si concentrano su di essa, con il risultato che incontrano poi grandi difficoltà nel capire l’accento britannico.

Quando si è in grado di leggere testi scritti e capire l’inglese parlato,

il passo successivo è quello di cominciare a parlare attivamente – questo è l’aspetto più importante nell’apprendimento di una lingua. Non appena inizi a parlare l’inglese, dovresti cercare di praticarlo il più spesso possibile, per abituarti rapidamente al suono della lingua e acquisire fiducia nelle tue capacità. In questo modo imparerai ad ascoltare te stesso e a pronunciare correttamente le parole. In inglese è importante parlare con scioltezza e senza scervellarsi troppo, perché è una lingua molto dinamica e vivace. Purtroppo questo è un aspetto a cui molti corsi e scuole di lingua dedicano uno spazio troppo breve, per lo più a causa dell’alto numero di studenti o per la mancanza di risorse. A volte sono anche gli insegnanti stessi a non essere in grado di esprimersi in modo convincente e deciso. Non sentendosi a proprio agio nel parlare l’inglese, cercano di evitare il più possibile questa parte dell’insegnamento, per non rischiare di incorrere nell’imbarazzo. Per gli studenti, questo è fatale. Parlare attivamente non è solo uno degli aspetti più interessanti dell’apprendimento di una nuova lingua, ma rappresenta anche uno dei modi migliori per fare progressi in fretta.

Quando sarai abbastanza sicuro di te con l’inglese parlato, sarà il momento di tentare l’approccio alla scrittura.

Cerca di prestare particolare attenzione all’ortografia e alla grammatica. Ci sono molte parole inglesi che suonano simili ma vengono scritte in modo diverso e hanno significati completamente differenti. Per riuscire a padroneggiare l’ortografia ci vuole un sacco di pratica. Un buon metodo è quello di prendere uno dei tuoi libri preferiti e ricopiarlo a mano o al computer. Scrivendo attivamente ci si abitua molto rapidamente alla corretta struttura sintattica e si sviluppa una particolare sensibilità per la lingua. È proprio in questo modo, infatti, che tutti noi impariamo a scrivere la nostra lingua madre da piccoli. All’insegna della massima: „Learning by doing” – Imparare facendo. Come già accennato, purtroppo la scrittura viene insegnata troppo presto e questo, oltre a essere poco efficace, può anche scoraggiare gli studenti finendo per rovinare il piacere dell’apprendimento. L’apprendimento delle lingue è divertente e soprattutto viaggiare e conoscere nuove culture è un’esperienza di cui si può beneficiare enormemente e che certamente si ricorderà per sempre.
Tutti questi passaggi possono apparire molto complicati se li si considera separatamente, ma in realtà vanno di pari passo e sono logicamente concatenati tra loro. Spesso, tuttavia, le scuole e i corsi di lingua si concentrano sulle parti separate dell’apprendimento pensando di facilitare le cose agli studenti. Ma la verità è che così facendo si incontreranno grossi problemi in seguito, quando sarà il momento di unificare gli aspetti imparati separatamente come la grammatica, la pronuncia e l’ascolto. Pertanto, noi consigliamo l’apprendimento contemporaneo di tutti gli aspetti.

Come e cosa studiare in vista del TOEFL?

Se cerchi di prepararti al TOEFL in modo perfetto, devi investire moltissimo tempo nello studio, perché la portata degli argomenti trattati è semplicemente troppo grande. È quindi più saggio concentrarsi maggiormente sull’apprendimento del linguaggio in generale che non sull’esame in sé. In questo modo, se dovessero insorgere difficoltà durante il test, riuscirai a fronteggiarle semplicemente usando un po’ di buon senso.
Noi suggeriamo di familiarizzarsi con l’inglese scegliendo un metodo che piace e diverte particolarmente. In questo modo la lingua risulterà fin da subito più accessibile e sarà molto più facile sviluppare una sensibilità naturale per le regole grammaticali e la pronuncia. L’intestardirsi ottusamente sulla memorizzazione di vocaboli e sullo studio di tematiche ’a compartimenti stagni’ non è assolutamente consigliabile. Lo spreco di tempo sarebbe enorme, per non parlare della frustrazione che ne conseguirebbe e che renderebbe il processo di apprendimento molto più arduo di quello che dovrebbe essere.

Nei corsi di lingue NLS – Natural Language System,

i diversi aspetti dell’apprendimento vengono praticati contemporaneamente, in modo del tutto naturale. La ripetizione ad alta voce del racconto concepito appositamente per il nostro corso, è una preparazione ideale per allenare non solo le proprie competenze orali, ma anche quelle scritte e quelle relative all’ascolto e alla comprensione.
L’unica cosa che forse si dovrà approfondire ulteriormente sono le regole grammaticali. Ma anche questo è molto più divertente e ha molto più senso se lo si fa quando si è in grado di parlare un po’.
Per prima cosa, sarà più facile capire perché le frasi che già ci ’suonavano giuste’ istintivamente sono in effetti corrette. In secondo luogo, diventerà naturale applicare direttamente le regole appena imparate. In questo modo, riscontrerai presto grandi progressi nel parlare.

L’autore, Christoph Schretzenmayr, si è preparato al test IELTS con il metodo NLS „Vuoi imparare l’inglese? – Parlalo!“, oltre ad investire un sabato nello studio della grammatica inglese. i risultati positivi sono evidenti.

Test IELTS e TOEFL